Home Ubim BIMWorld AECO: i trends per il 2018

AECO: i trends per il 2018

13 min read
0
0
485
AECO trends 2018

L’intero settore AECO è cresciuto a un ritmo costante dal 2011. Si parla di una previsione di incremento del PIL  che si aggira intorno al 3,6% nel 2018. Vari sono i fattori che hanno contribuito a innescare una nuova ondata di produttività nel settore delle costruzioni, tra questi di sicuro l’applicazione della tecnologia che cresce a una velocità impressionante, mentre nuove prassi vengono adottate per modernizzare i vecchi processi di lavoro. Oltre alle scoperte tecnologiche, c’è stato anche un cambio di mentalità nella società e allo stesso tempo un bisogno, all’interno delle aziende, di personale più focalizzato sulla conoscenza.

Partendo da questi presupposti, cosa possiamo aspettarci dal 2018?
È certa la tendenza dello sviluppo sul fronte tecnologico, ma quali saranno i trend nel 2018 nel settore delle costruzioni?

1. Building Information Modeling (BIM)

Il BIM sta suscitando molto interesse nel settore delle costruzioni. Sempre più  gli appaltatori stanno implementando la tecnologia BIM nei loro processi lavorativi. Ci sono vari vantaggi per la tecnologia BIM nel settore delle costruzioni, dalla collaborazione alla gestione dei costi e delle risorse. L’ultima versione denominata BIM 5D offre cicli di progetto più brevi, comprensione dell’ambito del progetto e aumento della produttività.

Il rapporto National BIM del 2017 di NBS, mostra una percezione molto positiva riferita agli effettivi benefici del BIM nell’ambito delle costruzioni. Secondo il rapporto, il 78% degli intervistati ritiene che il BIM sia il futuro delle informazioni sul progetto, il 70% di loro crede che la riduzione dei costi nella costruzione/progettazione/manutenzione del ciclo di vita sarà raggiunta e il 60% crede che il BIM determinerà l’efficienza del progetto dal momento in cui è stato concepito fino al completamento.
Quindi è chiaro che ci sarà meno resistenza nell’adottare il BIM nella progettazione edilizia e potremmo aspettarci ulteriori progressi con BIM nel 2018.

2. Project Management Software

Come molti altri settori, la costruzione ha compreso il potenziale di implementare un software di gestione del progetto. Il software di project management in tempo reale è in continua evoluzione al fine di ottenere maggiori informazioni dai dati. Esso fornisce all’industria delle costruzioni tre vantaggi fondamentali: efficienza, trasparenza e responsabilità. L’ultimo software fornisce comunicazioni in tempo reale, panoramica del progetto, tracciabilità e integrazioni con altri software.

Un software di project management è valido per migliorare l’efficienza ed evitare gli sprechi dovuti proprio alla cattiva gestione del progetto, come è stato osservato anche dal Project Management Institute. Nel loro rapporto del 2016 sono stati delineati i costi determinati dalla bassa performance e questi erano direttamente correlati alla pianificazione della gestione dei progetti. Quindi la necessità di una migliore gestione dei dati non è affatto trascurabile. Per questo la tendenza sta cambiando ed ecco perché la tecnologia dei big data viene introdotta nella costruzione. Nell’anno 2018, si assisterà a un incremento dell’uso del software di project management.

3. Realtà Virtuale (VR) e Realtà Aumentata (AR)

Rispetto alla realtà aumentata, la realtà virtuale è uno strumento molto più comune nella costruzione. Viene spesso utilizzato in BIM. Il suo più grande vantaggio è la capacità di fornire walk through virtuali per vendere proprietà e proporre idee architettoniche ai clienti. La possibilità di mostrare virtualmente ai clienti come sarà il loro investimento in anticipo, rende la VR una tecnologia con molto appeal. I vantaggi della tecnologia non si limitano al design e all’architettura. Nella costruzione, i clienti ricevono aggiornamenti del progetto attraverso fotografie e tour in loco. L’era della realtà virtuale è solo agli inizi. Nell’anno 2018 sarà possibile constatare l’applicazione del potenziale della realtà virtuale.

D’altra parte, va incrementando l’uso anche della realtà aumentata. Questa può fornire misurazioni accurate, dettagli materiali e ridurre il rischio di errori. Per sfruttare al massimo l’AR, però, dovrebbe esserci un flusso completo di dati, poiché è proprio su di questi che si basa tale tecnologia e, invece, di fatto il 95% dei dati viene gettato via o addirittura non viene affatto raccolto durante la costruzione.
Tuttavia si assiste a un cambio di tendenza: la costruzione sta gradualmente diventando più focalizzata sui dati e quando ciò diventerà una buona pratica diffusa, le possibilità e i benefici dell’AR saranno immensi. Pertanto, possiamo sicuramente aspettarci un uso più efficace della realtà aumentata nella costruzione.
Nel 2018 vedremo più VR e AR.

4. Robotica

Robotica e automazione hanno rivoluzionato diversi settori. Il suo arrivo in costruzione è stato lento ma ora è qui e si sta diffondendo rapidamente. Molti sono stati i progressi in robotica: uno di questi, per esempio, è la piattaforma di costruzione digitale del MIT che utilizza la stampa 3D per creare strutture di moduli. Enormi sono i vantaggi di tale tecnologia , sebbene sia ancora nella sua fase iniziale. La robotica può sostituire gli umani e può portare a termine il lavoro più velocemente, in modo più sicuro ed economico: il braccio robotico di stampa 3D  è da considerarsi solo la punta dell’iceberg. Ne seguiranno di certo altri. È una tendenza da tenere d’occhio nel prossimo anno.

5. Droni

È ampiamente utilizzato nella mappatura del sito di costruzione per raccolti di dati, riportando i cambiamenti e gli aggiornamenti del progetto ai clienti e monitorando e ispezionando i siti di lavoro, oltre ad analizzare i progressi del progetto mediante i filmati. In breve, attraverso i droni i responsabili della costruzione sono in grado di portare a termine il lavoro più velocemente e con una minore dispersione economica. Essendo questa una delle tecnologie più affascinanti nel campo della costruzione, l’utilizzo e l’investimento dei drone nel settore è destinato ad aumentare nel 2018.

6. Edifici modulari

Edifici modulari o edifici prefabbricati:  è lo sviluppo di una struttura edile fuori sede per poi trasportarla nel sito desiderato senza compromettere la qualità. Non ci sono differenze nei materiali da costruzione né in quelli di consumo e il lavoro viene svolto in meno tempo. Secondo Westchester Modular, attraverso la costruzione modulare il lavoro può essere eseguito 65 volte più veloce. Naturalmente la costruzione modulare non risponde a tutte le esigenze di costruzione, tuttavia è considerata una modalità molto efficace e nuova.

La costruzione modulare viene realizzata per l’80% fuori sede. Ciò riduce rumori e altri disturbi in sito.  è il rumore e altre interruzioni sul posto. Aumenta anche la sicurezza delle attrezzature così il monitoraggio del lavoro. La costruzione modulare richiede dati e misurazioni accurate per creare strutture. Vedremo molto probabilmente più progetti creati modularmente. Sarà quindi questo un altro trend che potremmo vedere il prossimo anno.

7. Costruzioni Green

Uno dei cambiamenti più significativi osservati nel settore delle costruzioni è il crescente interesse per la costruzione “verde”. C’è stato un cambiamento globale nel modo in cui le persone consumano e si asiste a un mutamento nello stile di vita dei consumatori. Questo nuovo trend di lifestyle influisce  attivamente sulle principali industrie, tra le quali quella delle costruzioni. I manager e gli appaltatori hanno aderito alle esigenze del consumatore finale e hanno iniziato a concentrarsi sulla costruzione ecologica. La costruzione green riduce gli sprechi e l’uso delle risorse, consente di avere un ambiente di vita più salubre e ha un impatto meno dannoso sul pianeta.

Con il 2018, giungerà di certo una maggiore richiesta  di costruzioni ecologiche e sostenibili. La tendenza costringerà i gestori delle costruzioni e gli appaltatori a cambiare il loro modello di business e ad acquisire la certificazione pertinente per essere riconosciuti come “green”. La certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) è una delle etichette che ti consente di essere riconosciuto in qualità di come appaltatori “green” e sono sempre più coloro che utilizzano questo simbolo globale di sostenibilità.

8. Personale smart

Con la tecnologia arriva la possibilità che ci sarà una carenza di posti di lavoro nell’industria delle costruzioni. È vero che il lavoro manuale sarà sostituito dai robot –  che rappresentano il progresso – ma i questi creeranno anche più opportunità di lavoro per molti. Ci sarà più lavoro “intelligente” nella costruzione. Il settore avrà bisogno, di fatto, di personale con competenze specifiche per creare, gestire e mantenere le tecnologie sopra citate. Pertanto, sarà necessaria manodopera di più elevato profilo nelle costruzioni: sarà l’occasione per personale “smart”, coloro che identificheranno questo trend e ne trarranno vantaggio.

In breve, nel 2018…
il settore delle costruzioni sarà animato da un forte fermento: dal BIM alla VR alla Costruzione Green, molti saranno i progressi in quest’ambito. Non rimane che aspettare e vedere dove arriverà l’industria delle costruzione il prossimo anno.

Leggi QUI l’articolo originale degli amici di GenieBelt

Foto di copertina @Sérgio Rola

Load More Related Articles
Load More By Redazione@Studio30
Load More In BIMWorld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also

Revit 2021: Tutte le novità

Ok ragazzi dopo diversi rumors a cui non diamo mai troppo credito, ieri è uscito Revit 202…