Home Ubrand Branding News Come evitare la disinformazione sulla SEO

Come evitare la disinformazione sulla SEO

9 min read
0
0
62
SEO_fake

Di SEO ormai si parla tanto e ci sono ottime informazioni su tutti i canali informativi. Ma ci sono anche parecchie disinformazioni, come purtroppo capita in tanti campi.

Il punto è che le disinformazioni vengono amplificate quando compaiono nei risultati di ricerca di Google è ciò non è d’aiuto ovviamente!

Ad esempio, John Mueller di Google ha recentemente sfatato il mito SEO delle parole chiave LSI (Latent semantic indexing), lui stesso ha recentemente twittato che le parole chiave LSI non sono reali e Google ha subito sovvertito il suo messaggio classificando questa ovvia disinformazione SEO ai vertici delle SERP.

Se cerchi parole chiave LSI su Google, la pagina web prima in classificata afferma che le parole chiave LSI sono importanti per la SEO e i due risultati di ricerca successivi sono generatori di parole chiave LSI.

Come dicevamo, purtroppo, molte volte è Google stesso che amplifica e rafforza i famosi miti SEO che troppo spesso sono “fake-news”.

In che modo un marketer analista può sapere quali informazioni SEO sono corrette quando i risultati di ricerca di Google rafforzano la disinformazione SEO?

Discernere tra opinione e intuizione basata sui fatti.

È importante verificare se l’autore sta citando e linkando a una fonte autorevole. Qualcosa come una dichiarazione di Google, un brevetto o un documento scientifico aiuta a elevare un’opinione in una notizia basata sui fatti.
Tutto il resto è solo un’opinione e non importa se ci sono zero basi per supportarla. Che qualcosa “suoni ragionevole” non è abbastanza!
Solo perché Google classifica qualcosa in cima ai risultati di ricerca non lo rende neanche vero.

Le ricerche su Google devono essere contestuali

Alcune persone hanno obbiettivi alquanto discutibili. Quando ciò accade, tendono a citare le dichiarazioni di Google fuori dal contesto al fine di spingere tali obbiettivi.
Il tipico comportamento consiste nel seminare paura e incertezza allo scopo di creare più affari. Non è raro che i marketer della ricerca affermino che Google si contraddice.
Spesso i googler sono straordinariamente coerenti, in particolare John Mueller. Ciò che è incoerente è il modo in cui alcune persone interpretano ciò che dice.
John Mueller di Google ha lamentato in un podcast che “i due terzi di ciò che viene citato è fuori contesto”.

Un esempio di approfondimento basato sui fatti.

Se il tuo posizionamento è sceso negli ultimi tempi, potrebbe essere perché l’algoritmo ha deciso che un’altra pagina è più pertinente per la query di ricerca e gli utenti. Lo sappiamo perché Google ha pubblicato una guida ufficiale sui loro aggiornamenti.
Tra le molte
chicche che la guida ufficiale di Google descrive sugli aggiornamenti, c’è anche questa:

… i cambiamenti riguardano il modo in cui i nostri sistemi valutano i contenuti in generale. Queste modifiche possono far sì che alcune pagine precedentemente sotto-premiate funzionino meglio.

Questa è una dichiarazione ufficiale secondo cui uno dei motivi per cui un sito potrebbe perdere posizioni di ricerca è perché un altro sito è stato “sotto-remunerato” precedentemente.
Un altro motivo,
non confermato, potrebbe essere perché il contenuto non è effettivamente corretto.
Nessuno ha discusso degli algoritmi che lo circondano. Nessun googler ha confermato che l’algoritmo sta verificando i fatti. La comunità SEO ha la sensazione che il controllo dei fatti stia succedendo. C’è qualche base per l’idea che Google stia verificando i fatti? Si C’è.

Nessun altro (per quanto ne so) ha discusso il seguente documento di ricerca. Il documento di ricerca di Google si chiama Rilevamento di documenti pertinenti per articoli di verifica dei fatti.
Quel documento di ricerca descrive un modo per verificare gli articoli. Propone un modo per verificare le informazioni fattuali.
Quindi l’affermazione che Google potrebbe controllare i fatti relativi ai siti sanitari,
ad esempio, ha delle basi serie. Non lo sappiamo per certo. Ma il fatto che ci sia questo documento di ricerca (e altri) eleva l’opinione su una possibilità reale. Non lo sappiamo per certo. Ma ci sono almeno prove che il controllo dei fatti è qualcosa su cui Google sta lavorando.

In attesa di risultati certi del lavoro di Google, se un articolo parla di qualcosa che è stato detto in un video, guarda tu stesso il videoclip citato. Guardandolo puoi determinare tu stesso se l’articolo che hai letto era corretto o se stava omettendo qualcosa per spingere un titolo e fare posizionamento.

Gli studi di correlazione non sono ancora affidabili

Gli articoli con dati di correlazione attirano molta attenzione. I dati ottenuti dallo studio di milioni di risultati della ricerca mostreranno degli schemi. È innegabile che i modelli vengano rivelati.
Ma i modelli sono insignificanti perché
mancherà correlazione.
Ad esempio, se estraiamo
dei dati per cui un’alta percentuale delle prime tre pagine in classifica sono pubblicate su WordPress, ciò significa che pubblicare su WordPress aiuta il posizionamento? No non lo fa. Le correlazioni tendono ad essere insignificanti. Correlazioni insignificanti accadono continuamente e sono la norma per ora. Assegnare un significato dove non esiste un significato provato è un errore.
Uno studio di correlazione delle SERP che di solito consiste in molteplici intenti di ricerca non rivelerà informazioni utili sugli attuali algoritmi AI / Machine Learning.
Gli articoli basati sulla correlazione sono, a mio avviso, un ottimo clickbait, ma generalmente non hanno alcuna utilità per comprendere i fattori di classifica.

Gli articoli SEO basati sulla correlazione raggiungono costantemente la conclusione errata di ciò che ha causato un effetto.
1. I dati sono concreti e incontrovertibili.
2. L’interpretazione dei dati è fluida e confutabile.
Se c’è qualche ricerca, brevetto o una dichiarazione di Google che mostra che è stato ricercato, allora la conclusione del test ha una maggiore probabilità di essere corretta.

La prova tramite citazione (ricerca, brevetto o dichiarazione di Google) mostra che un’idea è almeno possibile o fattuale.
Nessuno può affermare con certezza che X abbia causato Y perché ciò che accade tra X e Y accade all’interno della cosiddetta scatola nera di Google in cui nessuno può vedere cosa sta succedendo.

Fonte originale in Inglese da SearchEngineJournal.com, articolo di Roger Montti.

  • 20_anni_SEO_features

    20 anni di SEO: storia della Search Engine Optimization

    L’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) ruota attorno a Google oggi. Tuttavia, la pra…
Load More Related Articles
Load More By Redazione@Studio30
Load More In Branding News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also

Novità Revit 2020.1

Una nuova versione di Revit ad agosto? Ora che rilasciamo le funzionalità non appena sono …